web analytics

Slide Ascolta il blog su Alexa "Alexa, quali sono le notizie di oggi?" Alexa Echo In tutti gli store "Un fantasy esistenziale che cattura"
Giornale di Brescia

"Ho trovato un'unica sola grande
pecca: non è una saga!"
Cronache di lettrici accanite

"Le atmosfere pisane rendono
questa
storia ricca di mistero"
Volevo fare la scrittrice
In tutti gli store "Alice Chimera si conferma un’autrice da tenere d’occhio".
The podd

"Un romanzo senza pudore e forte, anche per i forti di stomaco".
Sabrina nel paese delle meraviglie

"Lo stile di scrittura è coinvolgente e appassionante, dai toni introspettivi e malinconici".
The reading's love


Alice Chimera stories

Ultime da Instagram

Sono orgogliosa di questo scatto. Ma ora è difficile parlare di questo #libro...
Partiamo con il dire che questo volume è stato letteralmente divorato. Le poche ore passate con il libro chiuso il mio cervello urlava "TORNA A LEGGERE", ma arrivata alla fine mi è rimasta un po' di delusione.
Andiamo con ordine "Il ladro di baci" di #LJShen edito @alwayspublishing è arrivato fresco di stampa (non ho potuto resistere, ho dovuto comprarlo appena uscito) e poi è stato sul mio comodino fino alla scorsa settimana in cui ho deciso che era il suo momento.
Ero alla ricerca di una bella storia romantica, con la giusta dose di contrasti tra i personaggi. Da questo punto di vista è un libro da 10 e lode!
Eppure c'è un "ma", parliamoci chiaro, se l'ho finito divorandolo, questo difetto è più nell'insieme dell'opera: tanta costruzione, tanta cura per tenere il lettore agganciato alla storia e poi... poi il canovaccio del finale è banalissimo. È un peccato. Avrei voluto più azione più problemi (anche esterni alla coppia) per animare la parola fine che invece è sicuro e quasi asettico nella sua ovvietà.

Bocciato o promosso?

✅ Ideale se cercate una storia che vi rapisca e vi tenga lontano da ogni altro pensiero che non sia Francesca o il tenebroso Wolfe.

❎ È una trama abbastanza lineare che sfuma in un finale da manuale. Se cercate qualcosa di nuovo e unico passate oltre.

Quindi non lo so 🤷🏻‍♀️ mi è piaciuto ma mi ha anche deluso. Cosa ancora più incredibile lo scatto che ho fatto mi piace moltissimo 😅

Lo avete letto, che ne pensate? Vi è mai capitato di immergervi nella trama perché vi coinvolge eppure nel finale vi rendete conto che non è perfetto?
...

Sono una donna fortunata, il mio omino è un cuoco. Motivo per cui per me fare una dieta è impossibile 😅
Scherzi a parte, come me, il mio omino è appassionato di manga. Visto che è rimasto orfano di #Foodwars (la cui pubblicazione è terminata a fine 2020), quindi per coccolarlo di questa tremenda perdita ho dovuto trovare un valido sostituto.
Il consiglio dei miei fumettari preferiti di @comicsleagueofbrixia è stato #laviadelgrembiule! Si tratta di un manga dove il protagonista, Tatsu, noto e spietato #Yakuza decide di ritirarsi dalla professione e dedicarsi alla vita da #casalingo per amore.
È un manga che trovo molto moderno e anche divertente. Primo perché sdogana la figura femminile tipica del Giappone che, una volta sposata, dovrebbe fare figli e accudire casa e marito, e in secondo luogo vedere uno yakuza affrontare con lo stesso atteggiamento oscuro e temibile, che riserverebbe nel campo della malavita, per affrontare sconti e venditori a domicilio 🤣😂🤣
È una serie ancora in corso e sta per arrivare anche l'anime su @netflixit.
...

È passata una settimana, quindi credo sia il momento di presentarvi il mio ultimo lavoro. Il titolo provvisorio è imbarazzante, ma è già tanto se ne ha uno 😅
Questo lavoro è nato durante una cena, da un paio di avventure raccontate prima a tavola e poi nel parcheggio, il tutto seguito da una notte in bianco il cui mio cervello mi diceva "devi scriverci un romanzo".
In breve andò così, un commensale mi raccontò del suo lavoro in un cimitero. Ho voluto conoscere meglio quello che fece quando ci lavorava, sono stata proprio tra quelle tombe a rivivere con lui certi fatti, ho aggiunto una componente fantasy e nulla si scriveva da solo. Era il 2017.
Tre anni dopo, esattamente un anno fa, circondata dalle urla delle ambulanze e confinata in casa per i primi giorni di quarantena, ho iniziato a scriverlo. Questo è stato il primo libro dopo il grande blocco arrivato tra il 2018 e il 2019, sconfitto dalla tecnica più semplice del mondo "ass+chair=book".
Come tutti i lavori in fase di stesura il protagonista ha un nome, ma potrebbe cambiare 🤣 quindi non ve lo presento. La trama? No, anche su quella faccio fatica a darvi un quadro generale. Per ora vi basti sapere che è una storia ambientata in un cimitero, con un uomo che si ritrova a lavorare con la morte per ricominciare a vivere. Altro per ora non vi dico.
Sul vederlo in formato libro non se ne parla per un bel po', ha bisogno del suo tempo per essere davvero finito. È una prima stesura, ora devo sistemarla, riscriverla, tagliarla. Non credo ne sentirete parlare prima del 2022/3 quindi salutatelo nella speranza di vederlo un giorno pronto per farvelo leggere.
...

Lo so è un post un po' lungo ma andava scritto. Troppe volte trovo su Instagram post che urlano "se hai amato i #bridgerton allora devi leggere anche..." e poi una sequela di titoli che nulla hanno a che fare con la serie di #JuliaQuinn o con i romanzi rosa storici.
C'è una cosa che bisogna ricordare quando si consigliano i libri: capire il loro genere!
Ci sono romanzi storici con una forte componente romantica e poi ci sono i romanzi rosa con ambientazione storica. Perché è importante definirlo e distinguere l'uno dall'altro? Perché le due cose sono completamente opposte, sebbene abbiano in comune il periodo storico e la componente romantica. Se nel primo è la storicità a dominare con una trama che potrebbe quasi stare in piedi senza per forza entrare nei dettagli della parte romantica, nel secondo lo è la storia d'amore, la passione dei suoi protagonisti e gli scandali che li circondano. È una linea di confine sottile che per chi non legge questi generi forse non sembra affatto così marcata, ma è davvero come consigliare di leggere Licia Troisi a un Tolkeniano fondamentalista.
Quando poi vedo consigliare per esempio Jane Austen o Emily Brontë in queste fantomatiche liste lo trovo ancora più sbagliato. Sono contemporanei delle epoche regency e non scrivevano opere di finzione storica e per quanto le loro opere siano spettacolari, non sono affini al genere.
È evidente che non hanno la minima idea che dovrebbero consigliare Mary Balogh, Lisa kleypas oppure se vogliamo rimanere nel panorama italiano @mrsdubois17 .
Scusate ma davvero non sopporto la generalizzazione e soprattutto dare consigli sbagliati.
In ogni caso i libri di #AnitaSessa sono veramente belli, ben scritti e quindi, sì, se amate la #bridgertonseries ve li consiglio caldamente!
...

Vi confesso che scoprivo proprio l'anno scorso, all'incirca in questo periodo @carbonio_editore e sono orgogliosa di poter continuare a collaborare con loro.
I loro #libri che ho letto portano i segni, perché non sono stati letti di corsa. Sono volumi che lessi in settimane, venivano in ufficio con me, li portavo a letto, in bagno e anche a tavola mentre aspettavo che fosse pronto il pranzo. Una lettura lenta, non perché siano pensanti, semplicemente non si possono divorare. Hanno bisogno di tutti quei giorni e luoghi in cui le loro pagine vengono sfogliate pian piano. Di solito è così perché c'è anche la necessità poter amare ogni singolo pensiero e concetto espresso.
Sono una persona in grado di leggere ottocento pagine in quasi dieci ore, ho anche finito nell'ultimo week end tre libri in tre giorni, ma questi mai, questi occuperanno lo spazio che meritano.
I libri che ho richiesto (#prodottofornitoda #giftedby) sono diversissimi l'uno dall'altro.
🔴 "Fumo negli occhi" di #CaitlinDoughty parla delle storie che si celano nel dietro le quinte di un crematorio. E sarà certamente il primo che inizierò.
🔵 "La bellezza" di #AliyaWhiteley mi ha sempre intrigato la copertina e viste le poche pagine sento che sarà davvero pregno di riflessioni.
Voi siete lettori che amano prendersi tempo, o avete paura che il libro si perde nei giorni di lettura e preferite divorarli? Quale vorreste inviare tra questi due?
...

Passione storia. Chi cerca sempre nuovi pezzi per approfondire un periodo storico che ama? 🙋🏻‍♀️
Della Russia e dei Romanov ne abbiamo già parlato, un giorno vi dirò della mia passione sulla moda nei secoli. Oggi però spazio alla rivoluzione francese (immaginatevi come sottofondo musicale la marsigliese o al massimo la soudtrack di Lady Oscar). Ok lo confesso tra gli eventi storici del passato che mi incuriosiscono di più c'è la proprio il periodo più importante e sanguinoso della Francia! Per questo grazie a (#prodottofornitoda #giftedby) @nepturanus_editore ho potuto arricchire la mia mia libreria che ospita vari libri che ne parlano. In settimana sul blog troverete la recensione di questo piccolo ma interessante volume.
Voi avete un'epoca storica di cui vorreste conoscere ogni capitolo?
...

Chi influenza i vostri acquisti?
Stiamo attraversando un periodo in cui molti social sono spesso un mezzo pubblicitario per marchi. Il mondo dei libri è solo uno, se vi fate un giro sui profili che hanno un numero di follower vicino o che supera i 10k spesso molti degli oggetti fotografati sono "giftedby". Si può approvare o meno questa pratica ma non possiamo negare che spesso sono #bookblogger o profili che seguiamo a farci scoprire (e a volte anche acquistare) nuovi libri.
Vi faccio vedere i miei ultimi arrivi e vi dico anche i nomi dei responsabili:

🔹️ Tutta colpa di @red_kedi se ho scoperto @rabbmela e oggi mi ritrovo con #83500 fresco di spedizione e da leggere nella speranza di recuperare poi i due volumi successivi
🔸️ Tutta colpa (o quasi) di @sara_starlights.tube se mi sono decisa a comprare #LadrodiBaci edito @alwayspublishing che già da tempo avevo preso in considerazione e poi dopo la sua recensione ho acquistato e lo sto divorando.
🔹️ Tutta colpa di @naikeror se ho comprato "La casa delle foglie rosse" di #PaulinaSimons, lo ha consigliato come thriller e non come opera dell'autrice di "CavalieredInverno" e mi ha convinto a dargli una possibilità (perché non lo avrei mai comprato altromenti).
🔸️Doppiamente colpa di @seli_rowan se ho prima preso #Tinder di #SallyGardner (illustrato da #DavidRoberts) e poi ho recuperato pure #ZioVampiro di #CynthiaDGrant.
🔹️Non è la prima volta che è tutta colpa di @lilletta18 (che spesso è colpevole anche di consigliare i miei libri) per "L'origine perduta" di #MatildeAsensi.

Chi è di solito il profilo che sussurra a voi nuovi titoli o vi spinge (grazie alle sue recensioni) a cliccare su "compra subito"?

P.s. Nessuna collega è stata costretta con la forza a posare per lo scatto durante la pausa pranzo. È bastato un "per favore".
P.p.s. Nessuna influenser citata si è mai scusata per avermi fatto diventare povera, magari è il momento giusto per farlo in un commento 🤣😂🤣 #cosìperdire.
...

Scrittrice o Blogger?
Recentemente una amica blogger mi ha scritto che spendo molte energie per parlare di libri altrui, e che molto spesso investo molti soldi nella promozione dei miei libri (acquistando e spedendo copie da far recensire) e mi ha chiesto se non fosse il caso di dedicarmi solo a autopromuovermi. Tempo fa un nota autrice mi disse che non trovava giusto che una scrittrice facesse anche la blogger. Questi sono due esempi, ma vi garantisco che ne ho viste di tutti i colori, come editori che mi dicevano che DOVEVO parlare del loro catalogo perché mi avevano pubblicato, e non degli altri. E non tiriamo fuori quel genio che mi disse che non avrebbe mai pubblicato un mio libro perché avevo dato due stelle a una sua autrice (e poi mi propose un contratto). Sta di fatto che il conflitto d'interesse autrice/blogger (o altre attività come editor, grafica ecc...) esiste come anche il nepotismo, e vi dico che le poche volte che mi sono lasciata guidare dell'amicizia in questo settore mi sono ritrovata puntualmente fregata (quindi niente più collaborazioni con gente "Amica solo in caso di cartaceo" e se mi volete come ufficio stampa PAGATE e niente spazio sui miei social a meno che IO non reputi l'opera interessnte). Per non parlare di ripercussioni sui miei manoscritti inviati a degli editori a causa di alcune recensioni negative sui loro libri.
Amo scrivere, amo leggere e parlare di libri. Sono blogger come sono scrittrice, con il cuore. Leggo e Scrivo. Non assillo i miei follower con il "Comprami, comprami, comprami!" e nemmeno passo tutte le mie serate a fare spam nei gruppi.
Consiglio ciò che amo leggere e lascio che siano i lettori a consigliare i miei libri. Vendo poco? Ricordate che se siete self avete ragione a crearvi una promozione, ma se dietro avete un editore, è lui che con voi (e non SOLO VOI) deve farvi conoscere.
Potrei parlare di scrittura, almeno mi mostro più come autrice. Sì ci provo, ma di certo non mi sento quel tipo di autore che si può mettere a insegnare o discutere su tecniche narrative nei propri post. Stimo chi lo fa con grande serietà ma io credo che non sia così che posso raccontare la me scrittrice.
⬇️⬇️continua nei commenti⬇️⬇️
...

Prossimi appuntamenti

Eventi

Sorry, no events matched your criteria.

f
1942 Amsterdam Ave NY (212) 862-3680 chapterone@qodeinteractive.com

    Free shipping
    for orders over 50%