web analytics

Slide Ascolta il blog su Alexa "Alexa, quali sono le notizie di oggi?" Alexa Echo In tutti gli store "Un fantasy esistenziale che cattura"
Giornale di Brescia

"Ho trovato un'unica sola grande
pecca: non è una saga!"
Cronache di lettrici accanite

"Le atmosfere pisane rendono
questa
storia ricca di mistero"
Volevo fare la scrittrice
In tutti gli store "Alice Chimera si conferma un’autrice da tenere d’occhio".
The podd

"Un romanzo senza pudore e forte, anche per i forti di stomaco".
Sabrina nel paese delle meraviglie

"Lo stile di scrittura è coinvolgente e appassionante, dai toni introspettivi e malinconici".
The reading's love


Alice Chimera stories

Ultime da Instagram

Secondo anobii, ho circa 2050 libri.
Peccato che più di un migliaio, e un numero non ben definito di manga, sia inscatolato dal 2010 😥.

📦 Quest'anno mossa dal bisogno di rinnovarmi, ma anche nella speranza che sia l'ultima volta che inscatolo libri, mi sono messa ad aprire e rinscatolare i volumi che ho in cantina e sono venuti fuori diversi libri di cui non ho mai parlato, e che meritano un pochino di spazio. Lo so non sono fashion e alla moda, sono segnati dal tempo e da una me lettrice che si portava (ma lo faccio ancora) i libri ovunque, perfino quando uscivo a fare la spesa (sia mai che in caso di coda alla cassa, potevo leggere).

📚 Per questo ho deciso di trovare tempo e nel semplice verde di un muro (con la solita collaborazione della collega che ho costretto agli scatti) per mostrarveli e ve ne parlerò ogni tanto... così poi potranno tornare negli scatoloni pronti per un futuro più stabile magari nella mia nuova casa (di cui ancora non conosco l'ubicazione, il colore e soprattutto la dimensione di quella che sarà la mia libreria), magari però qualcuno prima lo rileggo...

Appuntamento per la prossima settimana per parlare del primo libro o forse libri? Chissà 🤭

📚 Voi avete mai ripreso tra le mani vecchie letture? Quale vi è capitato di rileggere di recente?
...

Momento #amarcord chimerico...
Di "Con o senza di noi" di @valentina_sagnibene edito @deaplanetalibri ve ne ho parlato sul blog, vi ho detto quanto sia bello e quanto faccia male al cuore leggerlo (per colpa di #ValentinaSagnibene sono stata incollata tutta una notte al, stile cozza, al mio omino per la paura che mi scappare via) e lo trovo scritto in maniera magistrale, un libro così insegna molto su come si devono scrivere delle storie soprattutto perché ha fatto un lavoro certosino nel lasciare poche scene e costringere il lettore a completare le parti mancanti perché in questa storia non ci sono bisogno di fronzoli ma di molti silenzi.
Oggi però voglio approfittare di questo libro per fare un viaggio nel passato, Nuvola mi ricorda molto la me alle superiori. Studiavo grafica e di matite e fogli da disegno ne avevo a quintali (tuttora ho decine di matite e ne adotto se qualche collega le vuole buttare perché troppo piccole), ero una che cercava il suo spazio nel mondo e disegnava ossessivamente mani e sfere, la mia matita preferita era la 6B: niente scorre meglio di lei sulla carta.
Guardando quella ragazza se potessi le farei avere montagne di 6B e libri. Erano i primi anni in cui leggevo e pasticciavo con la scrittura, fu uno dei periodi più difficili ma allo stesso tempo illuminanti della mia vita. Sarà per questo che quell'astuccio viola che ha ormai quasi vent'anni è ancora con me, come la mia vecchia 6B (una delle ultime) come le mine, l'accendino, tutto porta i segni di usura e del tempo, eppure sono ancora con me. Lo apro raramente e ne ci disegno pochissimo (ormai ho perso la mano). Eppure non riesco a lasciare quel pezzo di passato (come anche molti altri).

✏ Avete qualcosa che tenete con voi dall'adolescenza?
...

È cominciata con "Nord e sud" di #ElizabethGaskell, è sbocciato con "Il castello blu" di #LucyMMontgomery. Sto parlando dell'amore per le opere scritte tra ottocento e inizio novecento.
Prima del loro arrivo avevo letto opere scritte in questo lasso di tempo, ma ero spinta a leggerle più che altro per l'importanza in ambito letterario più che come letture di piacere. Invece ultimamente mi sto rendendo conto di quanto ci sia di bello da leggere tra gli autori di quel periodo storico; poi se @jomarch_edizioni pubblicasse per esempio le Brontë, Jane Austen ma anche l'intera produzione di #lucymaudmontgomery, credo la comprerei e la leggerei subito, amo le loro traduzioni e le spettacolari analisi sul testo che offrono a inizio volume.
Ho imparato grazie a loro a uscire dalla mia confort zone e fidarmi di libri che forse anni prima avrei reputato "troppo pesanti" o anche "troppo lunghi" per poter godere davvero del loro contenuto.
A voi è mai capitato di uscire dalla vostra zona sicura di letture per abbracciare fino ad amare quei volumi che prima non avreste nemmeno pensato di leggere? Lasciate anche i titoli la mia wishlist ha bisogno di scoprire nuovi titoli 😉
...

Leggete seguendo le stagioni?
È decisamente arrivata la primavera (sole tanto anche se qui fa un po' freddino)... quindi accompagnata da fiori che sbocciano e primi germogli che nascono, ho deciso di iniziare la lettura di "Kilmeny del frutteto" un libro di #LucyMMontgomery (nota soprattutto per #Annadaicapellirossi) edito @caravaggio_editore. È stata una lettura molto romantica e scorrevole anche se devo confessarvi che rispetto ad altre opere dell'autrice non è invecchiata benissimo, si sente molto di più quanto l'epoca influisca sulla storia (cosa che non era successa con "Il castello blu" che invece porta benissimo la sua età).
Più leggo i libri di questa autrice più sogno di scappare in Canada e vivere anche io su questa magica Isola del Principe Edoardo: fredda e spietata d'inverno e generosa e materna a ogni nuova fioritura.
È stato un libro perfetto per questo periodo, sul blog trovate anche la recensione, e sto pensando di leggere altro che si adatti così bene alla stagione: ho voglia di leggere di prati verdi e corone di fiori.

Capita anche a voi di cercare la stagione che state vivendo nei libri che da leggere?
...

Vi siete mai imbattuti in un libro strano, strano forte?
Piccolo aggiornato letture, ho da poco finito "La Bellezza" di #AliyaWhiteley edito @carbonio_editore (#prodottofornitoda #suppliedby). Più penso a questo libro più l'aggettivo "strano" mi sembra ancora troppo violento e allo stesso tempo quasi blando: è insolito a tutto tondo.
Ovviamente ve ne parlo ma senza fare spoiler.

🍄 La strada che prende la storia è davvero imprevedibile. Si ha quasi bisogno di rimettere in carreggiata alcune situazioni, ma non siamo padroni di farlo.

🍄 La tematica della discriminato di genere è fusa con la storia eppure a volte ci si trova stranamente a discriminare alcuni personaggi. È un libro che insegna tanto, ma lo fa scatenando nel lettore sensazioni anche sgradevoli.

🍄 Mi è piaciuto molto ma mi trovo a domandarmi quali possano essere i suoi lettori tipo e in realtà non credo che lo si possa consigliare a un lettore di un particolare tipo. Direi che se siete in cerca di un libro davvero fuori dalle righe dovreste provare a leggerlo.

Sul blog trovate la recensione, e ora tocca a voi, qual è il romanzo più insolito che avete mai letto?
...

Prossimi appuntamenti

Eventi

Sorry, no events matched your criteria.

f
1942 Amsterdam Ave NY (212) 862-3680 chapterone@qodeinteractive.com

    Free shipping
    for orders over 50%