web analytics

Non contate su di me

La forza di un libro, sta nel riuscire a lasciare qualcosa al lettore. È per questo che dopo tanto tempo, ancora ricordo questo magistrale capolavoro di Antonio Schiena. Primo è un ragazzo molto solitario che sfoga tutto nella scrittura. Futura invece ha la passione per i tentativi di buttarsi dal tetto e vuole scoprire cosa le stanno tenendo segreto. È sul tetto che Primo e Futura si incontrano, lei in procinto di uccidersi, lui che cerca solo un po’ di pace per distruggere ciò che ha scritto. Futura capisce che non è un caso, lui l’ha salvata, ma Primo in realtà non vuole avere a che fare con quella pazza. E nemmeno con le altre persone.

Dove collocarlo nelle nostre librerie? È un giallo? Un viaggio introspettivo nelle ombre del nostro mondo? È semplicemente narrativa che filosofeggia? Io questo, lo ammetto, non so dirlo. Inizio a sospettare che dovrò fare uno scaffale solo per questo autore sotto alla targhetta “al di fuori di ogni canone”. Vi posso solo confermare che è un libro incredibile, profondo e che quasi avrei sottolineato (cosa che non faccio neanche sotto tortura o per necessità) per tenere traccia di quelle decine di passaggi che sembrano frasi fatte, e che invece raccontano questa società sempre più sola, sempre meno pronta a fare qualcosa, alla ricerca di felicità, e che accetta colpe altrui ignorando che potrebbe scoprire la verità su di esse.

Una storia che sta in piedi anche quando non si capisce se la pazzia di Futura sia vera o semplicemente frutto delle incomprensioni di Primo: perché tante cose avvalorano le teorie strampalate di Futura, ma sembrano enfatizzate solo dalle sue ossessioni. Non vi dico molto altro perché lo spoiler è tremendamente facile da lasciarsi scappare con un libro come questo.

Lo consiglio a giovani lettori, perché è una storia che si lascia leggere e rispecchia molto il nostro oggi. Lo consiglio a chi è navigato e cerca qualcosa di insolito. Infine lo consiglio a chi cerca qualcosa di speciale, da rileggere anche dopo anni assaporandolo come se fosse completamente nuovo. Un libro così bello che merita di essere prestato e fatto scoprire in ogni dove. In parole povere un Antonio Schiena: un nome una garanzia.

Descrizione

La forza di un libro, sta nel riuscire a lasciare qualcosa nel lettore. È per questo che dopo tanto tempo, ancora ricordo questo magistrale capolavoro di Antonio Schiena. Primo è un ragazzo molto solitario che sfoga tutto nella scrittura. Futura invece ha la passione per tentare di buttarsi dal tetto e vuole scoprire cosa le stanno tenendo segreto. È sul tetto che Primo e Futura si incontrano, lei che sta per uccidersi e lui che cerca solo un po’ di pace per distruggere ciò che ha scritto. Futura capisce che non è un caso, lui l’ha salvata, ma Primo in realtà non vuole avere a che fare con quella pazza e nemmeno con le altre persone.

Dove collocarlo nelle nostre librerie? È un giallo? Un viaggio introspettivo nelle ombre del nostro mondo? È semplicemente narrativa che filosofeggia? Io questo, lo ammetto, non so dirlo, inizio a sospettare che dovrò fare uno scaffale solo per questo autore sotto alla targhetta “al di fuori di ogni canone”; vi posso solo confermare che è un libro incredibile, profondo e che quasi avrei sottolineato (cosa che non faccio neanche sotto tortura o per necessità) per tenere traccia di quelle decine di passaggi che sembrano frasi fatte, e che invece raccontano questa società sempre più sola, sempre meno pronta a fare qualcosa, alla ricerca di felicità, e che accetta colpe altrui ignorando che potrebbe scoprire la verità su di esse.

Una storia che sta in piedi anche quando non si capisce se la pazzia di Futura sia vera o semplicemente frutto delle incomprensioni di Primo: perché tante cose avvalorano le teorie strampalate di Futura, ma sembrano enfatizzate solo dalle sue ossessioni, non vi dico molto altro perché lo spoiler è tremendamente facile da lasciarsi scappare con un libro come questo.

Lo consiglio a giovani lettori, perché è una storia che si lascia leggere e rispecchia molto il nostro oggi. Lo consiglio a chi è navigato e cerca qualcosa di insolito, infine lo consiglio a chi cerca qualcosa di speciale, da rileggere anche dopo anni assaporandolo come se fosse completamente nuovo; un libro così bello che merita di essere prestato e fatto scoprire in ogni dove. In parole povere un Antonio Schiena, un nome una garanzia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Non contate su di me”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

f
1942 Amsterdam Ave NY (212) 862-3680 chapterone@qodeinteractive.com

    Free shipping
    for orders over 50%