img-book
ISBN: 9788804625018

Millennio di fuoco – Seija

by: Cecilia Randall

1999. L’Europa non è quella che noi contemporanei conosciamo, il tempo si è fermato all’anno 999 quando i demoni hanno fatto la loro comparsa e hanno iniziato ad uccidere e depredare. Questo non è un fantasy moderno, questa è la storia di un popolo che si sta estinguendo, le cui terre stanno per scomparire tra le mani del demonio. Questa è la storia di Seija e di un demone che porta il nome di Traditore, delle loro strade che si incontreranno su un campo di battaglia e da quel momento tutto cambierà.
La scrittrice in più momenti lascia intuire come sia andata la storia nel suo fantasioso mondo medioevale, che è nostro contemporaneo, ci troviamo nel non molto lontano 1999, e benché ci si trovi nelle suggestive terre Bavaresi, capire realmente cosa sia accaduto perché il medioevo sia rimasto una realtà nel nostro presente è spiegato davvero in poche righe (ed escludo la sinossi della quarta di copertina, che io non leggo mai) lasciando sì al lettore la possibilità di supporre e pensare a cosa realmente non sia accaduto in questi mille anni senza scoperte o evoluzioni (per esempio le Americhe saranno state scoperte?). Una scelta a mio parere azzardata anche se volendo rimangono così tante curiosità da chiarire (almeno un pizzico di rinascimento ci sarà stato? Cosa si sa delle terre d’oriente) che l’autore ha un intero mondo da sviluppare come più desidera (in fondo siamo all’inizio di una trilogia che potrebbe anche divenire la base di un ciclo narrativo). Inoltre le situazioni politiche medioevali sono spettacolarmente adattate alla trama, abbiamo l’Italia divisa in piccoli stati, lo stato del Vaticano e la Cristianità che sembra essere dominante su coloro che non hanno abbracciato l’unica vera fede, e quei popoli pagani (in questo caso quello di Seija) costretti a trovare un compromesso per poter sopravvivere a contatto con i Vaivar e la Cristianità.
I personaggi sono pochi e, ad esclusione della protagonista ed il Traditore, sono comparse con poco spessore e con una presenza quasi marginale anche se sono strettamente legati alle vicende o alla stessa protagonista: per esempio Ari, se si escludono i pochi capitoli in cui compare, è un personaggio che potrebbe essere quasi inutile, perfino nell’unica occasione in cui lo incontriamo da solo in battaglia, non è presente, e rimane nelle retrovie.
Devo ammettere che non ho apprezzato lo stile, a volte troppo pesante e in alcuni punti troppo descrittivo, non che le descrizioni siano pessime, ma devo ammettere che in alcuni punti sono davvero troppo, togliendo spazio sia sulla visione sia sul lavoro di mostrare i personaggi. Un peccato perché se snellito, la lettura sarebbe leggera e scorrevole oltre che interessante e coinvolgente.
Un grande plauso va fatto anche alla scelta grafica della sovraccoperta e la copertina rigida sono curatissime e davvero molto suggestive, anche se manca sempre l’elemento grafico per eccellenza di un fantasy, la cartina, lo so che parliamo di Europa, ma avere una chiara visione geografica non fa mai male.
L’elemento fantastico che è incarnato dai Vaivar sembrano l’incrocio tra vampiri classici e demoni, sono una visione molto suggestiva perché tramite un morso posso trasformare gli umani in ibridi, Marvar, mezzi uomini, mezzi demoni, esseri che per i popoli liberi sono al pari di anime dell’inferno.
In definitiva, leggendo i primi capitoli avrei concesso solo tre stelle, poi però la parte centrale e soprattutto il finale mi fanno urlare quattro stelle, a mio parere potrebbero essere anche cinque, ma lo stile appesantito e forse la mancanza dalle cartina (non lo perdono ad una casa editrice che ha fatto realizzare una signor copertina e poi ha tralasciato un elemento così semplice) non gli concedono l’eccellenza. Se devo essere sincera non saprei dirvi se questo libro è più adatto agli amanti del genere storico romantico o agli amanti del fantasy, direi che è un compromesso tra questi due generi senza cadere nel banale che spesso sono le caratteristiche chiave di molti libri di questi due generi. Di certo io attendo il seguito perché il finale così aperto mi ha lasciato con le mani che prudevano alla ricerca della data di uscita del seguito. In ogni caso mi auguro che un po’ dei difetti sopracitati siano smussati (facciamo emergere Ari e anche Britte), nell’attesa corro verso una nuova lettura.

Meet the Author
avatar-author
Cecilia Randall, pseudonimo di Cecilia Randazzo, è una scrittrice italiana, autrice di romanzi fantasy e racconti. È conosciuta in particolar modo per la saga di Hyperversum.
Books of Cecilia Randall
About This Book
Overview

Baviera 1999 d.C. Mille anni sono trascorsi da quando il demoniaco popolo vaivar è apparso in Europa, muovendo dalle lande desolate oltre il Volga per reclamare il possesso delle terre abitate dagli umani e cambiare la Storia per sempre. Da allora una guerra infinita strazia il continente ormai condannato a un eterno medioevo, in cui i regni nati dalle ceneri dell’antico Sacro Impero sopravvivono a fatica tra alleanze precarie, rovesciamenti di fronte ed epidemie.
I vaivar avanzano con armate di creature innaturali e spaventose, i manvar: la loro marcia procede inesorabile e sono giunti ormai nel cuore della Baviera.
Ed è qui che troviamo Seija, giovane coraggiosa e tenace, l’erede di un’antica stirpe di guerrieri pagani, cacciati dalle terre di Kaleva proprio in seguito all’invasione dei vaivar.
Adesso il suo popolo, decimato e nomade, sopravvive offrendo ai cristiani la propria abilità militare in cambio di cibo e di un luogo sicuro in cui piantare le tende.
Seija è pronta alla lotta contro l’esercito vaivar comandato dal più grande nemico degli umani: Raivo, il Traditore dalla Mano Insanguinata, stratega temibile, condottiero spietato e unico uomo a essersi venduto anima e corpo ad Ananta, l’immortale regina dei vaivar, per farsi trasformare in un demone plurisecolare e sterminare quella che una volta era la sua specie.
Ma quando Seija è costretta ad affrontare il Traditore nel pieno della battaglia, il fantasma di un antico segreto cambia per sempre il suo destino. Perché il condottiero nemico prima esita e poi scatena contro di lei una caccia senza quartiere? Perché ne è così ossessionato da trascurare persino gli obiettivi militari, pur di catturarla? Cosa è accaduto davvero tre secoli fa alla Torre della Strage, il maniero del Traditore, nel giorno in cui Raivo ha rinunciato alla sua umanità? Cecilia Randall, dopo aver incantato i lettori con Hyperversum e Gens Arcana, torna con una nuova saga fantasy: Millennio di fuoco.
Ricco di riferimenti letterari e cinematografici, da Dracula a Star Wars a Il Signore degli Anelli, il primo volume della saga, Seija, unisce l’avventura all’emozione, il racconto di una guerra millenaria alla storia di un amore maledetto ma capace di attraversare gli oceani del tempo.

Details

ISBN: 9788804625018
Publisher: Arnoldo Mondadori Editore
Publish Date: 2013
Page Count: 420

“Millennio di fuoco – Seija”

Login with Facebook:
 

There are no reviews yet.