img-book
ISBN: 9788875784560

Fuga dal Campo 14

by: Blaine Harden

Shin Dong-Hyuk è l’unico Nordcoreano ad essere nato in un campo di prigionia ed esserne fuggito di cui si abbia traccia. La sua storia racconta una vita alterata dalla lotta per la sopravvivenza, dalla schiavitù, dalla mancanza di sentimenti e legami.
Quando si parla del giorno della memoria troppo spesso dimentichiamo che certe torture e persecuzioni sono ancora in atto oggi: anche se siamo pronti a leggere Anna Frank e Primo Levi non ci rendiamo conto che il mondo è ancora un brutto posto, magari non ovunque, ma la Corea del Nord che ora temiamo a causa del suo possesso della bomba atomica, è proprio uno di quei luoghi in cui il nostro occhio non guarda e dove la gente ancora oggi muore e soffre per l’ingiustizia.
La storia di Shin è cruda, ingiusta, violenta: è molto simile e allo stesso tempo diversa da quella dei sopravvissuti ai campi di concentramento. Inoltre l’analisi che ne fa l’autore raccontando non solo i fatti del singolo ma analizzando la situazione dell’intero paese, ci dipinge un luogo che sembra irreale fuori dal tempo, un regno distopico che però è reale e soprattutto non crolla ancora sotto il peso della fame e delle torture al suo popolo.
Avere tra le mani questa testimonianza è a volte deviante: si ha quasi la necessità di chiudere il libro, di smettere di leggere perché in fondo al cuore si spera che non sia altro che semplice narrativa e non una storia vera. Per questo non so in quanti potrebbero davvero apprezzare questa lettura o avere la forza di finirla. Io ci sono riuscita ma temo siano in molti a non averne la forza.
In definitiva cinque stelle. Si può credere o mano alle atrocità di questo volume, si può fingere di non vedere, ma la realtà è che nel nord della penisola coreana esiste uno stato totalitarista di cui si ignora troppo e quel poco che si sa sembra uscito da un film dell’orrore. A mio parere è un libro che deve essere letto, una storia che non cambia il nostro oggi ma che spero possa aprire gli occhi di molti.

Meet the Author
avatar-author
1952
Blaine Harden è scrittore e giornalista. Per quindici anni è stato corrispondente estero, in Africa, Europa e Asia, per The Washington Post. Oggi collabora con il New York Times. Ha scritto la storia di Shin Dong-hyuk per farla conoscere al mondo intero.
Books of Blaine Harden
About This Book
Overview

Shin Dong-hyuk è l’unico uomo nato in un campo di prigionia della Corea del Nord ad essere riuscito a scappare. La sua fuga e il libro che la racconta sono diventati un caso internazionale, che ha convinto le Nazioni Unite a costituire una commissione d’indagine sui campi di prigionia nordcoreani. Il Campo 14 è grande quanto Los Angeles, ed è visibile su Google Maps: eppure resta invisibile agli occhi del mondo. Il crimine che Shin ha commesso è avere uno zio che negli anni cinquanta fuggì in Corea del Sud; nasce quindi nel 1982 dietro il filo spinato del campo, dove la sua famiglia è stata rinchiusa da decenni. Non sa che esiste il mondo esterno, ed è a tutti gli effetti uno schiavo. Solo a ventitré anni riuscirà a fuggire, grazie all’aiuto di un compagno che tenterà la fuga con lui, e ad arrivare a piedi e con vestiti di fortuna in Cina, e da lì in America. Questa è la sua storia.

Details

ISBN: 9788875784560
Publisher: Codice Edizioni
Publish Date: 2012
Page Count: 290

“Fuga dal Campo 14”

Login with Facebook:
 

There are no reviews yet.