Brescia Fumetto 2017
On 3 gennaio 2018 | 0 Comments

Apro questo 2018 con la cronaca dell’ultima fiera a cui ho presenziato nel 2017.

Quando i Ragazzi di Comics Leagues of Brixia mi avevano contattato offrendomi spazio presso il loro stand di Brescia Fumetto 2017 mi ero detta entusiasta, ma vendere a una fiera del fumetto è difficile e non è il mio mondo. C’è stato un tempo in cui ero una cosplayer, ma ho tagliato quasi tutti i ponti con quella vita/mondo, per questo mentre si avvicinava l’evento ero sempre più convinta che aver accettato fosse un errore.

“Tornerò a casa con zero copie vendute” con questo ottimistico pensiero sono arrivata in fiera sabato pronta a allestire la mia zona con le mie venti e passa copie che già ero convinta sarebbero rimaste tutte lì, al loro posto. Per l’occasione avevo preparato anche dei segnalibri che la bravissima Elena Hayele ha realizzato per me, ma nemmeno quei bellissimi omaggi potevano in alcun modo aiutare.

Come prima cosa ho incontrato gli altri artisti ospiti come me, tra questi l’immancabile Stefano Tevini che si portava dietro le primissime copie del suo “Storia di cento occhi” ma anche “Testamento di una maschera”. Gli altri due ospiti erano invece illustratori. Tra questi il bravissimo Eliah Zanoni il cui tratto delicato e preciso riesce a dare vita ai suoi personaggi, persino nel bozzetto che stava creando a mano libera sperimentando con del lattice da maschera; incredibile come a Brescia, la città che avevo lasciato sconsolata perché troppo fredda, abbia formato artisti come lui, una mano sincera e sicura a disegnare personaggi che a me trasmettono storie infinite. Chissà che non approfitti della sua “Dragon-Paint” (la cui stampa è già appesa nel mio salotto) per scrivere una storia, anche perché chiedendoglielo, lui non ne aveva vista una disegnandola, quindi è “libera” per diventare un mia protagonista.

L’altro illustratore era Jessica “Loputyn” Cioffi, ero onestamente imbarazzata stando accanto a una persona che solo con il suo arrivo aveva fatto fuori una decina di volumi, e ben conoscevo la sua bravura visto che a casa (escludendo l’ultimo uscito) ho praticamente tutto ciò che ha pubblicato.

Insomma tanta bella gente ma poche speranze e invece… il mondo, soprattutto i tuoi concittadini ti contraddicono, ti dimostrano che eri in torto. Il pessimismo è stato spazzato via da Agata e Maria Elisa, le mie primissime acquirenti, con cui avrò parlato per più di un’ora di principesse, del mio amore per Londra, di Harry Potter, e di come bisogna lasciar perdere la “Drarry”. Tanto calore con la cadenza del mio dialetto, inaspettato, insperato eppure eccolo.

Come se non bastasse anche il supporto di Paola Fiorentino che a tutti mi presentava a tutti come la sua amica scrittrice, insomma sono arrivati i miei primi acquirenti e i due giorni di fiera si sono trasformati in un autentico successo.

Anche il supporto degli organizzatori della gara cosplay “La Tana del Nerd” ha dato a tutti noi uno spazio per parlare del proprio lavoro, li ringrazio perché spesso questo mondo rimane legato a un certo standard di autori e celebrità, invece loro hanno voluto darci lo spazio per farci conoscere anche a chi era presente per la gara cosplay.

Un’esperienza che mi ha fatto ricredere; il mondo dei cosplayer da cui ero uscita sbattendo la porta è molto cambiato e ha creato realtà più piccole e ancora genuine come un tempo; nel mondo del fumetto si trovano pochi lettori, ma buoni: gran parte di loro si sono fatti sentire anche sui social anche solo per dirmi come andava la lettura ed è stato bellissimo perché troppo spesso i lettori comprano ma poi a parte la recensione scompaiono, certo ti chiedono di altro però difficilmente mantengono vivo l’interesse su ciò che hanno già letto.

Mi ha fatto piacere scoprire che sono in grado di vendere e di ritornare in un mondo colorato che avevo lasciato perché mi ero sentita tradita e abbandonata dalle perline e dai volti anonimi di quelle persone che vivevano solo di maschere. C’è speranza anche nel cosplay.

I libri citati in questo articolo:

Leave a reply

  • Login with Facebook:
     

    BEBO WordPress Theme

    Send this to a friend