Le novità da non perdere – La caduta di Northin di Serena Fiandro

Editor e amica, Serena per me è questo ma prima di questo è un’autrice seria e perfezionista. La sua ultima opera è da poco arrivata in libreria, stiamo parlando di un fantasy di un certo spessore che però non necessita un numero di pagine in stile encyclopedia, nelle poco più di duecento pagine di “La caduta di Northin” troverete una storia che saprà certamente darvi molto più di un qualsiasi libro.

013

Titolo: La caduta di Northin

Autore: Serena Fiandro

Editore: I Doni Delle Muse

Pagine: 238

Prezzo: 12.00€

Genere: Fantasy

Sinossi: Un tempo sorgeva un grande albero, da cui dipendeva il destino di tutto l’universo, e la musica era in grado di sollevare i veli che separavano i mondi. Gli aranthyr, spiriti della luna e del crepuscolo, regnavano e proteggevano l’arte dei Cantori.
Ma ora tutto è cambiato. L’albero è malato, senza possibilità di cura, e la realtà si fa ogni giorno più opaca e spenta. Il giovane Ayram, l’ultimo apprendista di Northin, dovrà partire per un viaggio in un regno tra il sogno e la veglia, accompagnato soltanto da una misteriosa creatura deforme. Inizierà una lotta contro una fine che appare inevitabile, in cui il ragazzo dovrà affrontare le sue ambizioni e le sue paure perché la storia si fermi e tutto possa ricominciare.
Una narrazione epica e crepuscolare, tra le ceneri della guerra e la ricerca di una bellezza perduta che forse potrà salvare l’umanità.

Recensione: Hydra – Il segreto degli abissi di Barbara Riboni

Recensione: Hydra – Il segreto degli abissi di Barbara Riboni

Titolo: Hydra – Il segreto degli abissi
Autore: Barbara Riboni
Editore: Cicogna
Pagine: 396
Prezzo: 14.50€
Pubblicato il: Novembre 2014

Info sulla mia lettura:
Iniziato il: 04 Gen 2015
Terminato il: 07 Gen 2015
Voto: 4/5

Recensione: Un Urban Fantasy molto alternativo e interessante anche se leggero.
Victoria è la tipica ragazza della Milano bene: shopping sfrenato, vizzi, carte di credito e nessun limite. Tutto almeno fino a quando un incidente farà intervenire suo padre, che fino ad ora le ha concesso qualsiasi cosa, e metterà un freno alla figlia perché certi scandali potrebbero compromettere la sua ascesa politica. Quindi se Victoria vuole mantenere il suo tenore di vita deve ritirarsi dalla sfrenata Milano per passare almeno un mese nel Resort del padre alle Maldive. Per molti questo potrebbe essere più un premio che una punizione, ma Victoria, abituata alla vita metropolitana, la spiaggia bianca e il mare cristallino sono solo sinonimo di noia e tempo perso. L’incontro con un misterioso uomo sbucato dagli abissi cambierà totalmente la sua vita.
Devo ammettere che per iniziare l’anno ci voleva una lettura delicata e Hydra è riuscito a rispondere a ciò che cercavo. La trama è semplice e ben costruita: per quanto riservi il filo narrativo di molte storie Urban Fantasy, la protagonista, l’incontro con un bell’uomo, il contatto con un misterioso elemento fantastico e lo sviluppo della storia romantica. Quello che cambia e lo fa totalmente è l’ambientazione: ormai siamo abituati a vampiri, licantropi misto creatura, meticci di fate o personaggi usciti da qualche mixaggio tra classico e idee nuove: le Maldive sono tutto fuorché l’ambientazione classica per personaggi Urban Fantasy (e non cadete subito all’idea della sirena o del tritone di turno), è questo che sconvolge, cambiando la percezione di una storia che se ambientata a Milano sarebbe stata la solita minestra.
All’idea molto alternativa, c’è da aggiungere lo stile fresco che non cade mai nel banale o nel troppo frivolo: le descrizioni ci sono e non sommergono mai i dialoghi, c’è insomma un equilibrio che a mio parere è perfetto, tanto che fa divorare letteralmente le pagine.
I personaggi principali sono ben sviluppati, mi spiace che gli altri custodi invece siano rimasti un poco in ombra, a mio parere avrebbero dato un maggiore spessore al mondo di Hydra che mi è parso solo accennato e approfondito poco rispetto ai rapporti dei tre personaggi principali. In ogni caso non penso sia proprio una mancanza strutturale, i tempi della narrazione non permettono di far conoscere meglio l’ambientazione fantastica anche se il lettore ha in mano tutti gli elementi che gli servono per comprendere la storia (diciamo che la mia curiosità avrebbe bisogno di essere saziata, e non è una vera e propria una mancanza nel libro).
Ho deciso di iniziare l’anno con questo libro, e leggendolo mi sono domandata se non fosse più una lettura estiva. L’ambientazione è marittima (abbiamo mare e sole in abbondanza) ma in effetti il mese in cui tutto accade è proprio Gennaio, la stagione ideale per andare alla Maldive. Che dire, una parte di me lo consiglierebbe per l’estate, è l’ideale sentire il mare e il vento carico di salsedine mentre si sfogliano le pagine, ma anche leggerlo in inverno non sarebbe poi così fuori stagione a ben vedere, potrebbe essere la vacanza ideale dal solito tram tram di letture.
In definitiva, quattro stelle: sì bello, ma lo ammetto avrei voluto più Hydra e più custodi (Masa su tutti); devo ammettere che è stata proprio una buona lettura. La consiglio a tutti coloro che cercano un qualcosa di alternativo, al classico Urban Fantasy: mi raccomando però, è un buon libro leggero, non aspettatevi più di questo.

BLOG TOUR: Hydra di Barbara Riboni -Quarta Tappa [I luoghi di Hydra]

BLOG TOUR: Hydra di Barbara Riboni -Quarta Tappa [I luoghidiHydra]

Eccoci giunti alla quarta tappa del Blog tour dedicato a Hydra, nelle precedenti tappe avete conosciuto in maniera approfondita l’autrice, letto la recensione del libro e visto il book trailer. È giunto il momento di scoprire i luoghi in cui la storia prende forma il bellissimo Urban Fantasy di Barbara Riboni, prima però di scoprirli eccovi i dettagli di questa pubblicazione e del tour:

IL LIBRO

Titolo:Hydra – Il segreto degli abissi

Autore:Barbara Riboni

Editore:Cicogna

Pagine:396

Prezzo:14.50€

Pubblicato il:Novembre 2014

Sinossi:Victoria Valsecchi è una ragazza milanese abituata al lusso estremo e alla vita sregolata. Orfana di madre, ignorata dal ricchissimo padre, ha sviluppato un carattere chiuso e indisponente, costruendosi una rigida corazza contro il resto del mondo.
Ubriaca alla guida della sua auto, una notte ha un incidente in cui rischia la vita e una denuncia penale e così il padre, esposto politicamente all’estero, la obbliga a una vacanza forzata in un resort alle Maldive, minacciando di bloccarle i conti in caso di rifiuto.
Non sarà facile per la ragazza, abituata alla vita frenetica di Milano, adeguarsi al silenzioso splendore dell’Oceano Indiano ma Victoria, contro la sua volontà, si scoprirà ben presto attratta dalle meraviglie naturali di quel paradiso terrestre e da uno strano uomo che scorge tra le onde.
Al largo di quelle acque azzurre e trasparenti andrà incontro ad un destino inimmaginabile e pericoloso, conoscerà un popolo straordinario e avrà il compito di proteggerlo da una misteriosa minaccia, con l’aiuto degli otto Custodi di Hydra.
Ricattata da una creatura divina e contesa da due uomini caparbi riuscirà a trovare l’amore dove non l’avrebbe mai cercato, ma dovrà spingersi nel segreto degli abissi più profondi per scoprirlo.

LE TAPPE

Prima Tappa – Intervista all’autrice on-line su Atelier di una lettrice compulsiva
Seconda Tappa – la Recensione on-line su Sognando tra le Righe
Terza Tappa – Booktraileron-line suRomanticamente Fantasy
Quarta Tappa – Analisi dei Luoghi del Libro Oggi su I libri della Chimera
Quinta Tappa – Un Inedito da Hydra on-line il 12 Febbraio su Passione Scrittura
Sesta Tappa – Intervista ai personaggi on-line il 19 Febbraio su Le tazzine di Yoko

Settima e ultima Tappa –Giveaway– Vinci Hydra on-line il 26Febbraio su Insaziabili Letture

LE REGOLE DEL GIVEAWAY
Ecco i semplici passi da seguire per vincere una copia di Hydra:
– Essere follower di tutti i blog partecipanti
– Diventare fan della pagina Facebook di Barbara Riboni
– Commentare tutte le tappe

I LUOGHI

È giunto il momento di condurvi per mano nei luoghi dove tutto avviene, scopriremo la Milano bene di Vittoria, la delicatezza delle Maldive che però non sono proprio il paradiso che la protagonista sogna e molto altro, eccovi il viaggio attraverso Hydra:

Hydra_luoghi_milano_living

Il “Living”è il luogo dove tutto ha inizio: è un locale dai toni caldi dove Vittoria affoga l’ennesima serata mondana in fiumi di vodka-lemon, perché la sua è una vita di eccessi. Ed è a pochissimi passi dal locale che avviene anche l’incidente che segna una svolta nella sua quotidianità di vizzi.
Il locale in questione, collocato in zona Piazza Sempione a Milano, esiste davvero e state proprio osservando il luogo dal quale Vittoria uscirà ubriaca per poi schiantare la sua nuovissima Audi R8 in preda ad una velocità incontrollata e ad un tasso alcolico ben oltre il 3,85%.

Hydra_luoghi_milano

Certo il Living è il luogo dove tutto ha inizio,ma non dobbiamo dimenticare la Milano bene in cui Vittoria, la protagonista, ha le sue radici. È gennaio, le luminarie sono ancora un ricordo vicino, la sua vita ha un tenore alto: SPA come se fosse un hobby, sushi e ristoranti di un certo livello. Un modo così bello e freddo che sembra di plastica.
Vittoria ama Milano, così come Parigi e Amsterdam, lei non è fatta per l’aria pura e i luoghi di relax con sabbia dorata per impiegati o finti ricchi. Lei ama lo smog la confusione e lo shopping nelle varie boutique del centro.

Hydra_luoghi_maldive

Vittoria si trova catapultata nell’arcipelago amato dalla maggior parte dei vacanzieri che inseguono l’estate, il mare azzurro e la sabbia bianca.
Questo mondo, che ripeto per molti potrebbe sembrare un paradiso terrestre, incarna per Victoria il concetto di gabbia dorata. I suoi incontri sembrano incarnare le regole di vita di quel luogo: pelle dorata dal sole e occhi verdi come il mare.

Hydra_luoghi_maldive_resort

La vita è vincolata alle attività offerte dal resort che certo offrono visite guidate in barca, attività subacquee alla scoperta della barriera corallinae poco altro. Monotonia e mare sembrano le regole base della sua giornata. Rifugiarsi nel suo overwater lussuoso sembra essere una piccola alternativa alla vita di clausura a cui sembra destinata.
Victoria chiude molte delle sue giornate guardando l’orizzonte, mangiando una barretta di cioccolato, e sarà in una di quelle tante sere passate alla ricerca di una salvezza. E sarà proprio dal mare da cui arriverà la risposta alla sua ricerca.

Hydra_luoghi_hydra

Chi legge le mie recensioni sa benissimo che non voglio fare spoiler quindi sempre senza svelarvi la storia che porterà Victoria a Hydra passo subito a parlarvi di questo luogo fuori dal mondo e sotto il mare.
Al centro di un lago si erge la rocca dei custodi, ma prima di salire quei gradini che isolano il mondo di Hydra da quello di leggenda e magia, voglio parlarvi di Hydra dela semplicità di un mondo sottomarino che ospita un popolo molto più libero del nostro.
La terra che lambisce il lago è occupato da un villaggio su palafitte in legno dove vivono gli uomini e le donne di Hydra è un luogo pacifico dove la natura regna sovrana e i suoi abitanti sono votati a conservarla e viverla appieno.

Hydra_luoghi_hydra_reggia

La rocca è una struttura a forma quadrata che si erge al centro del lago, tutto al suo interno è bianco e puro in netto contrasto con il verde della natura attorno ad essa. Quattro grandi torri si ergono ai rispettivi angoli della struttura dove imponenti balconate d’oro abbellivano l’architettura. In questo luogo, mix tra oriente e fantasia è la casa dei custodi, abitanti di Hydra con un dono speciale che li eleva a esseri semi divini.

Hydra è anche molto altro, ma non voglio svelarvi tutte le carte di questo libro che riesce a portare una storia classica in un’ambientazione davvero molto alternativa. Io stessa sono molto simile a Victoria, i luoghi da sogno con spiagge e mare cristallino non sono proprio il mio genere eppure Hydra sembra un mondo che vorrei esplorare. Voi invece? Vi fermereste a Milano oppure alla Maldive? Quale luogo vi affascina di più? Lasciate un commento e spiegatemi quale luogo di questo libro è più simile al vostro paradiso terrestre?

Vi invito a proseguire in questo tour nella quinta tappa sul blog Passione Scrittura. Se siete interessati lunedì 9 Febbraio sarà on-line la mia recensione.

Le novità da non perdere – Notte di luna di Sonia Vela

Ormai sono settimane che non vi presento qualche nuovo titolo, ebbene mentre io tacevo sono usciti molti libri interessanti, in particolare quello di Sonia, un Urban Fantasy che mi intriga moltissimo e che vorrei presto leggere.

Le novità da non perdere – Notte di luna di Sonia Vela

Titolo: Notte di luna

Autore: Sonia Vela

Editore: 0111 Edizioni

Pagine: 148

Prezzo carteceo: 14.50€

Prezzo e-book: 4.99€

Genere: Urban Fantasy

Sinossi: Francesca è una giovane giornalista di città. Le piace dedicarsi alla scrittura dei suoi articoli immersa nella natura, tra le mura di un vecchio rustico che affaccia su un lago di montagna. Un sabato mattina, mentre sta prendendo il sole su una sdraio nel portico che dà sull’ingresso dell’abitazione, viene pervasa da una strana sensazione. Una strana voce le parla attraverso la sua mente e la spinge a dirigersi verso le gelide acque del lago. Incurante del freddo, Francesca vi si immerge e inizia a nuotare. Quando raggiunge il centro del bacino, avvista qualcosa di terribile sul fondale. Ha inizio così la sua personale indagine che le farà scoprire un terribile segreto di un lontano passato. Una lunga ed estenuante avventura che permetterà alla giornalista di confrontarsi, per la prima volta, con la sua vera identità.

Recensione: Palindra – La stirpe di Inanna di Elena Ticozzi Valerio

Recensione: Palindra - La stirpe di Inanna di Elena Ticozzi Valerio

Titolo:Palindra – La stirpe di Inanna
Autore: Elena Ticozzi Valerio
Editore: Selfpublishing
Pagine: 216
Prezzo: 10.39€
Pubblicato il: Marzo 2014

Info sulla mia lettura:
Iniziato il: 07 Gen 2015
Terminato il: 15 Gen 2015
Voto: 3/5

Recensione: Una lettura colta che però manca di cuore
Palindra, archeologa scozzese, ha portato alla luce alcuni reperti di importanza storica tra cui un medaglione che l’immortale Viktor conosce molto bene…
Il mondo creato dalla scrittrice è costruito su più livelli temporali, coinvolgento figure fantastiche classiche (come i vampiri) e alcune più moderne (come gli immortali) ma con radici molto antiche.
Non sono riuscita ad apprezzare la scelta di integrare complessi flashback nella storia: già le note tendono ad interrompere la narrazione, e inserire queste storia, a volte precocemente a volte invece appesantisce lo stile ricco e carico di dettagli.
A volte le note non ampliano spiegando i termini, spesso avrei trovato più interessante che a palesare un termine fosse la descrizione del testo (mi riferisco al nome dei whisky, che spesso non hanno una curiosità che le note potrebbero approfondire per il lettore), altre invece sono una semplice traduzione (se si escludono quelle delle lingue antiche e di quelle inventate), spesso potrebbero essere semplicemente espresse nella narrazione, con le note il lettore si ferma per poter capire meglio e la lettura sarebbe più fluente se non ci fossero alcune delle note.
La storia è intrigante, certo l’inizio del volume risulta un poco ostico per le scelte qui sopra già esposte, però devo ammettere che una volta superato lo scoglio e intesa la chiave di lettura della storia si ha una storia che forse avrebbe bisogno di più emozioni e forse dovrebbe celare meglio alcuni passati anche per creare un poco di attesa e mistero.
È chiaro sin da subito che l’autrice è molto ferrata sugli argomenti trattati e forse dovrebbe staccarsene (non per creare anacronismi) per affrontare meglio la stesura della storia: si vede che è esperta di ciò che racconta, ma ci vorrebbe più cuore e meno conoscenze e non intendo che debba abbandonare ricerca e fatti reali per aggiungere scene di sesso o simili, c’è proprio bisogno che faccia uscire i fatti con più leggerezza e spontaneità (alcune note in meno, integrando ciò che dicono nella narrazione avrebbe aiutato).
L’edizione che ho tra le mani è quella con illustrazioni, un’idea carina che però avrei apprezzato di più se avessero giocato di più con il testo (per esempio un bel lampione poteva essere grande quanto la pagina ed essere contornato dal testo a lato); le avrei apprezzate di più se fossero state illustrazioni legate anche a delle scene, spesso invece sono solo fotogrammi di un luogo citato, di un oggetto, così utilizzate hanno trasformato in un libro di testo (mi ricorda molto i miei vecchi libri di storia) un romanzo.
In definitiva, tre stelle, bella la storia ma non basta ci vuole più cuore. È una lettura che se affinata potrebbe emozionare e coinvolgere molto di più.

BLOG TOUR: Hydra di Barbara Riboni

BLOG TOUR: Hydra di Barbara Riboni

Oggi vi presento il Blog Tour di “Hydra”, il libro Urban Fantasy scritto da Barbara Riboni, venite a scoprire Victoria, la meraviglia delle Maldive e molto altro. Prima però eccovi il libro e tutti i dettagli di questa lettura che ho già avuto la fortuna di leggere:

Titolo: Hydra – Il segreto degli abissi

Autore: Barbara Riboni

Editore: Cicogna

Pagine: 396

Prezzo: 14.50€

Pubblicato il: Novembre 2014

Sinossi: Victoria Valsecchi è una ragazza milanese abituata al lusso estremo e alla vita sregolata. Orfana di madre, ignorata dal ricchissimo padre, ha sviluppato un carattere chiuso e indisponente, costruendosi una rigida corazza contro il resto del mondo.
Ubriaca alla guida della sua auto, una notte ha un incidente in cui rischia la vita e una denuncia penale e così il padre, esposto politicamente all’estero, la obbliga a una vacanza forzata in un resort alle Maldive, minacciando di bloccarle i conti in caso di rifiuto.
Non sarà facile per la ragazza, abituata alla vita frenetica di Milano, adeguarsi al silenzioso splendore dell’Oceano Indiano ma Victoria, contro la sua volontà, si scoprirà ben presto attratta dalle meraviglie naturali di quel paradiso terrestre e da uno strano uomo che scorge tra le onde.
Al largo di quelle acque azzurre e trasparenti andrà incontro ad un destino inimmaginabile e pericoloso, conoscerà un popolo straordinario e avrà il compito di proteggerlo da una misteriosa minaccia, con l’aiuto degli otto Custodi di Hydra.
Ricattata da una creatura divina e contesa da due uomini caparbi riuscirà a trovare l’amore dove non l’avrebbe mai cercato, ma dovrà spingersi nel segreto degli abissi più profondi per scoprirlo.

Siete curiosi? Eccovi le tappe in cui potrete scoprire molto di Hydra, i suoi personaggi e non solo:

Prima Tappa – Intervista all’autrice on-line il 15 Gennaio (oggi!) su Atelier di una lettrice compulsiva
Seconda Tappa – la Recensione on-line il 22 Gennaio su Sognando tra le Righe
Terza Tappa – Booktrailer on-line il 29 Gennaio Romanticamente Fantasy
Quarta Tappa – Analisi dei Luoghi del Libro on-line il 05 Febbraio su I libri della Chimera
Quinta Tappa – Un Inedito da Hydra on-line il 12 Febbraio su Passione Scrittura
Sesta Tappa – Intervista ai personaggi on-line il 19 Febbraio su Le tazzine di Yoko
Settima e ultima Tappa – Giveaway on-line il 26 Febbraio su Insaziabili Letture

Restate collegati!

Recensione: Gala Cox e il mistero dei viaggi nel tempo di Raffaella Fenoglio

XMAS_BUNENR_rw

Titolo: Gala Cox e il mistero dei viaggi nel tempo
Autore: Raffaella Fenoglio
Editore: Fanucci
Pagine: 496
Prezzo Cartacep: 14.90€
Prezzo E-book: 4.99€
Pubblicato il: Ottobre 2014

Info sulla mia lettura:
Iniziato il: 23 Dic 2014
Terminato il: 104 Gen 2015
Voto: 5/5

Recensione: I viaggi nel tempo per giovani ma grandi lettori
Gala è una ragazza come molte altre, ma la sua vita ha qualcosa di più che ordinario. Sua madre è una medium e ciò trasforma la loro casa in un luogo dove spiriti più o meno importanti transitato in piena libertà, fanno eccezione i sue spiriti “domestici” Matunaaga e Ildegarda. La vita per Gala non è facile e diverrà ancora più complessa con la visita di una cara amica ormai scomparsa che la trascinerà nel lontano 1889.
Devo confessare che questo libro (certamente rivolto a giovani lettori) ha una costruzione complessa con diverse storie di sottofondo che rivelano un intreccio davvero curato e a volte “distraggono” il lettore che ancora non comprende quale sarà l’immagine formata dalle varie tessere che lo scrittore ha abilmente creato. Come sempre non voglio scendere nei particolari perché voglio che il lettore scopra tutta la trama di pagina in pagina, ma si capisce benissimo che l’autrice ha costruito sapientemente ogni personaggio inserendolo nel contesto e attribuendogli una storia che per certi versi sembra quasi indipendente da quella della trama del libro e che invece è un tassello chiave nella composizione della narrazione.
Gala è un personaggio intrigante, lo si potrebbe definire quasi una Hermione all’italiana, intelligente e votata alla ricerca delle risposte anche se di potteriano non ha proprio nulla: per certi versi ho trovato i vari personaggi nuovi oltre che interessanti, non sono un “copia e incolla” di figure già consolidate nel panorama letterario rivolto ai ragazzi; Dennis è stato il personaggio più enigmatico, inizialmente l’avevo considerato come la “linea comica” (cosa che non apprezzo mai a meno che non sia sottile e ben bilanciata, ma è chiaro che Dennis è tutto fuorché calibrato) invece mi sono dovuta ricredere anche perché ci sono delle svolte che mi hanno fatto rimangiare tutto e anzi hanno confermato quanto avevo già scritto sopra.
Lo stile è complesso, come già dicevo la trama è ben costruita e l’autrice ha una grande padronanza di ogni capitolo che crea anche se a volte l’ho trovata quasi prolissa: dentro di me avrei tagliato qualcosa ma devo ammettere che a libro finito, tutto quello che era stato scritto e che consideravo “di troppo” era invece un punto chiave in un capitolo finale.
Devo ammettere che non è un libro leggero o spensierato, non è una di quelle letture che inizi e finisci in due battiti di ciglia, no questo è uno di quei libri che richiede anche un mese per essere letto e se lo si fa bene può dare grandi soddisfazioni.
Sono sincera, mi auguro caldamente che sia un volume primo perché la storia merita di avere un seguito, un po’ perché il personaggio di Gala è cresciuto e mi piacerebbe poter leggere altro su di lei ora che ha affrontato grandi difficoltà è un personaggio ancora più interessante.
In definitiva cinque stelle. Non ci sono dubbi, la storia è completa, i personaggi sono ben costruiti e ribadisco sono unici. Gala Cox è un libro rivolto a giovani lettori, ma non ha quelli che cercano l’avventurina da sfogliare con leggerezza, è un libro che merita di essere letto con cura. Insomma io mi sento di consigliarlo sia ai giovani lettori che cercano un Urban Fantasy Paranormal che va oltre a quello che troviamo sugli scaffali delle librerie, e anche ai grandi lettori perché lo trovo davvero ben scritto, un esempio di come fantasia e ricerca possano portare ad un romanzo perfetto. A volte è meglio soffermarsi si storie come questa, lunga e curata anche se richiede davvero molto tempo per essere letta, sono libri come questo che possono far crescere il lettore.

Le novità da non perdere – Peccato d’Amore di Diletta Brizzi

Ultimamente avrei bisogno di una di quelle letture veloci ma intense che portano il nome di racconto! Oggi ve ne presento proprio uno, ultima fatica di una carissima amica blogger e scrittrice: parlo di Diletta Brizzi.

Le novità da non perdere – Peccato d'Amore di Diletta Brizzi

Titolo: Peccato d’Amore – She is my Sin volume 2

Autore: Diletta Brizzi

Editore: Self Publishing

Pagine: 65

Prezzo e-book: 0.89€€

Genere: Urban Fantasy

Sinossi: Dike è una ragazza un po’ introversa con gli altri, che ama più di ogni altra cosa rifugiarsi in quei mondi fantastici dove ogni cosa è possibile che sono i romanzi urban fantasy, forse per estraniarsi dal mondo e da un passato di cui nessuno è a conoscenza se non la sua migliore amica Anna, colei che considera come una sorta di maestra e iniziatrice ai misteri della divinazione e delle arti esoteriche a cui da qualche tempo ha deciso di dedicarsi.
E sarà proprio durante un’abituale visita alla libreria con quest’ultima che un uomo dagli occhi profondi come l’abisso catturerà i suoi pensieri e desideri, travolgendole l’animo con la sola presenza e trascinandola in un mondo dove, all’insaputa dell’umanità stessa, è in corso una millenaria guerra tra bene e male. Ammesso che tali concetti siano realmente quelli che da sempre vengono insegnati nelle scuole.
Un angelo caduto irresistibilmente sexy in lotta contro le potenze celesti per difendere la propria libertà d’amare, un estenuante caccia all’uomo in cui è impossibile stabilire chi sia il cacciatore e chi la preda, eventi sinistri e ambigui capaci di trascinare nel baratro della confusione anche l’anima più attaccata alle proprie convinzioni. Perché è questo che Dike è per il figlio del diavolo, un’anima da conquistare con qualsiasi mezzo e che lo porterà a scontrarsi con il guerriero più potente delle milizie celesti e i suoi angeli.
Tra passioni, desideri inconfessabili e capovolgimenti di fronte avrà inizio per Dike un’avventura che la porterà a sperimentare sulla propria pelle quegli eventi che fino a quel momento aveva soltanto letto nei romanzi, situazioni da cui non riuscirà più a liberarsi e che la porteranno a scegliere da che parte schierarsi nell’eterna lotta tra bene e male.

Recensione: Rached – L’arrivo di Ally Condie

Recensione: Rached – L’arrivo di Ally Condie

Titolo: Rached – L’arrivo
Autore: Ally Condie
Editore: Fazi
Pagine: 436
Prezzo: 14.90€
Pubblicato il: Luglio 2013

Info sulla mia lettura:
Iniziato il: 31 Ago 2013
Terminato il: 04 Set 2013
Voto: 5/5

Recensione: Sono i piccoli eroi a scrivere un vero lieto fine
Sembra giunta l’ora l’insorgenza è alle porte la piaga decimando la società, una sola domanda accompagna Cassia Xander e Ky: chi è il pilota? Questo terzo libro si chiude con una narrazione a tre voci, saranno Xander, Ky e Cassie a condurci verso la rivoluzione che l’Insorgenza ha preparato, i tre protagonisti divisi su tre fronti diversi della Società portano avanti il loro suolo di infiltrati per dare i natali ad un nuovo domani, per permettere al Pilota di condurli verso la libertà. Lo stile maturo e scelte narrative che elevano quello che molti potrebbero catalogato come semplice Young Adult rivela invece grandi potenzialità e una profondità di contenuti che raramente si trovano questo genere molti passaggi posso addirittura essere letti in più chiavi, permettendo lettore di trovare un caleidoscopio di significati e visioni: è sempre più chiaro anche il riferimento tra colori e situazioni che vivono i personaggi ecco che la piaga a una connotazione rossa, come del resto disperato tentativo di ricordare porti Cassia ad scontrarsi con la pillola rossa e così via fino a trovare sempre e comunque qualcosa di rosso senza che ciò risulti una forzatura peggio un disperato tentativo integrare la copertina (originale) nella narrazione. Oltre ad essere stata piacevolmente immersa nella lettura ho apprezzato che l’autrice abbia (al termine del libro) inserito i chiari riferimenti dei quadri e delle poesie citate o che sono stati descritti, si rivela interessante completare la lettura con qualcosa di visivo e, perché no, scoprendo nuovi e vecchi poeti. Il più grande passo falso per questo libro è la copertina completamente diversa da quella originale che nei tre libri mostrava la liberazione di Cassia e della Società, tre sfere, una per i rispettivi colori delle pillole, un’idea che si perde quasi totalmente in questa edizione, abbiamo la sfera ma non abbiamo i “tre step” di stasi-rivelaziome-rivoluzione che incorniciavano alla perfezione la trilogia. Con questa pessima sfera rossa con una non ben definita fortuna bendata, non si trasmette nulla. In definitiva, quattro stelle, una tril9gia splendida, un finale chiaro e con abbastanza sfaccettature da leggerlo e rileggerlo per scoprire una nuova visione, un sottofondo più profondo. Lo consiglio perché è una buona lettura dispotica e soprattutto non cade nella banale traccia del citare solo o grandi eroi della rivoluzione nel loro mondo, ma anzi ne narra gli aspetti visti dagli occhi dei comuni mortali non dall’eroina. Insomma eroi ma nei loro limiti umani.

Recensione: Il Potere della fenice di Ilaria Damiani

XMAS_BUNENR_rw

Titolo: Il Potere della fenice
Autore: Ilaria Damiani
Editore: I Doni delle Muse
Pagine: 222
Prezzo: 12.00€
Pubblicato il: Settembre 2014

Info sulla mia lettura:
Iniziato il: 16 Dic 2014
Terminato il: 23 Dic 2014
Voto: 5/5

Recensione: Un’autentica mosca bianca nel settore Fantasy
Keitha è una ragazza come molte a Lindon, certo è orfana di madre, ma studia le arti della guarigione e aiuta il padre alla locanda. Tutto questo almeno fino a quando i canti dei misteriosi Urlatori, non riempiono le vie della città. L’apparizione di questi uomini reclusi a vita nel Convento, e che approdano a Lindon solo per avvertire la popolazione di una nuova sventura, affascina Keitha, che invece dovrebbe solo temerli. La ricerca di sapere la spingerà a sfidare gli Urlatori, e facendolo la sua vità cambierà totalmente.
Leggere fantasy a volte è una lama a doppio taglio, si rischia di cadere in storie semplicistiche per giovani lettori che rasentano la “favoletta della buonanotte”, oppure nei grandi “mappazzoni” epici scritti con classe e dovizia di particolari, e che si iniziano a Natale e si finiscono a Pasqua dell’anno venturo. La via di mezzo in Italia (soprattutto se pubblicata da editori) quasi non esiste, bisogna rivolgersi al mercato degli autori italiani confidando che la copia acquistata rispecchi quella “via di mezzo” che riesce ad accontentare grandi lettori che cercano un libro semplice e veloce, e quelli che da poco si affacciano al genere. Ebbene, I Doni delle Muse con questo libro, sono l’autentica mosca bianca del genere.
La storia di questo libro è semplice e ben scritta, ma non cade nella banalizzazione di situazioni e personaggi, tanto che nell’insieme lo vedo proprio come uno Young Adult rivolto ad un pubblico che non è per forza “Young”.
La protagonista, Keitha, ci accompagna in una storia molto velata, che non permette al lettore di premettere nulla (ebbene sì, non capirete cosa potrebbe accadere), ogni singola pagina che ce la fa conoscere spinge il lettore a vivere la storia. E i personaggi secondari, non si limitano ad essere cornice dei fatti, anzi prendono il loro posto nella storia, e se si fanno da parte non significa che lo facciano per sempre.
Lo stile è semplice e scorrevole, descrizioni e dialoghi sono costruiti con sapienza dando una forma concreta alla storia e non risultando come normali strumenti di stesura che vanno a decorare la trama, si tratta di un libro ben scritto e ogni parola è fondamentale, non c’è scritto niente di più di quello che serve al lettore e non per questo la storia è ridotta ai minimi termini.
In definitiva cinque stelle, sono rimasta molto sorpresa dalla storia, dal fatto che è un fantasy “mosca-bianca”, un’autentica eccezione di qualità in un panorama che spesso si sofferma a due solo su due categorie di genere. L’autrice è giovane ma è già in grado di far sognare il lettore. Aspetterò con trepidazione il seguito di questo splendido libro.

Powered by WordPress | Designed by: Best SUV | Thanks to Toyota SUV, Ford SUV and Best Truck
http://www.wikio.it